Divorzio Congiunto.

Cosa occorre fare quando si è legalmente separati ed è passato il tempo previsto dalla Legge (6 mesi o 1 anno a seconda dei casi previsti dalla Legge Vigente) a decorrere dall'udienza presidenziale e vi è volontà; concorde tra i coniugi in ordine al divorzio e alle sue condizioni ?

Per ricevere prime informazioni chiama adesso al 06.8413654 o al 393.3323850 (dalle ore 09.30 alle 20.00)

Chiama Adesso



Cosa è e quando si può proporre la domanda  congiunta di divorzio ? Il cosiddetto divorzio (scioglimento del matrimonio civile o cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario) a domanda congiunta è quello che viene richiesto con un unico atto firmato da entrambi i coniugi  e ha come presupposto la volontà univoca e congiunta dei coniugi stessi su come gestire il divorzio (condizioni di affidamento dei figli, decisioni economiche, o altre questioni). La domanda può essere presentata quando si è oramai legalmente separati ed è decorso il termine previsto (o 6 mesi o 1 Anno) dalla comparizione personale dei coniugi avvenuta all'udienza presidenziale, o diversamente in tutti gli altri restanti casi tassativamente previsti dall'art. 3 della Legge 898/1970,c.d. Legge Divorzile.

Con l'entrata in vigore del "Divorzio Breve" - a partire dal 26 Maggio 2015: «12 mesi dalla comparizione dei coniugi di fronte al presidente del Tribnale f.f (nel caso di separazione giudiziale). Qualora alla data di instaurazione del giudizio di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio sia ancora pendente il giudizio di separazione con riguardo alle domande accessorie, la causa è assegnata al giudice della separazione personale. Nelle separazioni consensuali dei coniugi, il termine di cui al primo periodo è di sei mesi decorrenti dalla dalla comparizione dei coniugi di fronte al presidente del Tribnale f.f.. Medesimo termine di 6 mesi per le separazioni giudiziali poi mutate in consensuali».

Come  si propone  domanda  congiunta di divorzio ? La domanda Congiunta di Divorzio può essere presentata al  Tribunale ordinario civile dove vi è stata l'ultima residenza comune dei coniugi. Difatti nel divorzio a domanda congiunta i coniugi possono concordare anche sul Tribunale cui presentare il ricorso.  In questo tipo di divorzio, infatti, il ricorso può essere presentato al Tribunale del luogo di residenza o di domicilio  dell'uno o dell'altro coniuge e la scelta spetta ai coniugi stessi. Trattasi di un procedimento in camera di consiglio, privo di istruttoria. Entrambi i coniugi possono essere assistiti dallo stesso avvocato.

Sentenza di Divorzio. Il Tribunale sentiti i coniugi e verificata l'esistenza dei presupposti di legge e valutata la rispondenza delle condizioni all'interesse dei figli, decide con sentenza.  In tale giudizio, ai sensi dell'art. 70 n. 2 CPC  è necessario l'intervento del Pubblico Ministero.  Tuttavia, qualora il Tribunale ravvisi che le condizioni relative ai figli sono in contrasto con gli interessi degli stessi, si applica la procedura di cui al comma 8, ovvero, il processo proseguirà con le forme ordinarie, cioè con il rito contenzioso.  In tal caso, quindi, il Tribunale fisserà l'udienza di comparizione  avanti al Presidente, chi inviterà le parti a modificare  i termini dell'accordo sulla prole.

(altrimenti) Mediante la Conclusione di una Convenzione di Negoziazione Assistita nei casi e nelle modalità previste. In tal caso, comunque, ciascun coniuge deve essere assistito da un proprio avvocato

Quali documenti occorre allegare alla domanda: 1. Estratto di Matrimonio (rilasciato dal Comune del luogo di celebrazione) 2. Certificato di residenza di entrambi i coniugi  uso divorzio3. Stato di famiglia di entrambi i coniugi uso divorzio  4.  nei casi di separazione consensuale  - Copia Conforme  del Verbale dell'Udienza Presidenziale e dell'Omologa della Separazione ;  altrimenti nei casi di separazione giudiziale - Copia Conforme della Sentenza di Separazione 5. Pagamento del Contributo Unificato € 43

Tariffe. Le tariffe variano in ordine alla complessità delle vicende trattate e così in ordine all'eventuale negoziazione delle condizioni di divorzio con il legale che dovesse assistere l'altro coniuge. Per gli accordi  di divorzio già interamente predisposti dai coniugi si applicano tariffe inferiori.

Come contattarci ? Telefonando in studio allo 06.8413654 si può chiedere un appuntamento o comunque ricevere prime informazioni a riguardo o chiedere chiarimenti qualora non essendoci l'accordo tra i coniugi è necessario procedere con la presentazione del ricorso in via giudiziale.

Le Tariffe sono al netto delle Spese Generali del 15 %, delle Spese Occorse, della Cassa Forense 4 %, dell'Iva 22 % e del Contributo Unificato.

Altrimenti

  • Separazione Giudiziale

    Cosa occorre fare quando l'unione coniugale entra in crisi, la convivenza diviene intollerabile e/o vi è pregiudizio per la prole e comunque non vi è accordo sulla separazione ?

    Vai


  • Divorzio Giudiziale

    Scioglimento del Matrimonio Civile o . Cosa occorre fare quando si è legalmente separati ed è ormai passato il tempo previsto dalla Legge vigente (6 Mesi o 1 Anno dall'udienza presidenziale) e non vi è volontà concorde tra i coniugi in ordine al divorzio e/o alle sue condizioni ?

    Vai


  • Modifica e Revoca delle Condizioni

    Come e Quando chiedere l'aumento, la diminuizione o la revoca dell'Assegno di Mantenimento, e/o la Revoca dell'Assegnazione della Casa Familiare, e/o la Modifica delle modalità di Affidamento dei Figli Minori.

    Vai


Pagina Informativa della Studio Legale dell'Avv. Umberto Ciauri
Tutti i diritti riservati